Nov 24 2014

Articolo 5, come fare?


Testo scritto per gli abitanti di Santa Marta e distribuito al mercato del lunedì. Di questi tempi chiunque occupi una casa, ma anche una palazzina, una vetrina, un garage, non può non scontrarsi con l’applicazione del famigerato articolo 5.

Qualche spunto di riflessione, per non addetti ai lavori, su come evitare guerre tra poveri in pianerottolo. 


 

Ad aprile 2014 è entrato in vigore il decreto legge, meglio conosciuto come Piano Casa, per la “Lotta alle occupazioni abusive”, redatto dal ministro Lupi. Questo decreto, oltre ad estendere la flagranza e le pena massima per il reato di occupazione, fa sì che chi occupa una casa non possa in alcun modo richiedere l’allaccio alla rete idrica e elettrica, nè possa richiedere la residenza al proprio Comune. La norma in questione, il famigerato Articolo 5, è inoltre retroattiva: si applica cioè anche per casi di alloggi già occupati in precedenza.

Negli scorsi mesi molti movimenti di lotta per la casa, in tutta Italia, si sono battuti contro questa legge, facendo pressione sul Comune di appartenenza o sugli enti erogatori di acqua ed elettricità, ottendendo in alcuni casi il risultato di far sospendere l’applicazione della norma, per un certo numero di case o in una determinata porzione di città. Ciò non risolve tuttavia il problema di tutti quegli occupanti che non possono, o non vogliono, organizzarsi in questo modo, avendo la forza o il desiderio di porre rivendicazioni alle istituzioni.

L’Articolo 5 impedisce a chiunque di vivere in delle case occupate: toglie elettricità e acqua (bene comune?) per mangiare, bere, cucinare, riscaldarsi, mentre il non avere una residenza rende impossibile l’accesso all’assistenza sanitaria, iscrivere i propri figli a scuola e via dicendo.

L’applicazione dell’Articolo 5 è, nei fatti, uno sgombero, e come tale va trattato.

Come ci organizzeremo per contrastare l’arrivo della polizia allo sgombero di un’abitazione allo stesso modo ci organizzeremo insieme per avere acqua, luce e gas senza chiedere nulla ai fornitori ufficiali.

Provvedere autonomamente agli allacci, è bene ricordarlo, non toglie niente e non danneggia chi ha un contratto regolare per l’erogazione dei servizi. In un contesto in cui qualunque servizio viene privatizzato, con  conseguente aumento delle tariffe per gli utenti senza che vi sia una razionalizzazione della rete o un qualche miglioramento della stessa, allacciarsi ai sistemi di fornitura principali senza aspettare di farsi sgomberare, o di abbandonare l’abitazione perchè invivibile, è senza dubbio la scelta più logica per soddisfare i propri bisogni.

E se non ti sembra giusto pagare le bollette mentre il tuo vicino occupante non lo fa la soluzione è semplice: incontriamoci e organizziamoci insieme per non pagare più nulla! Guerra tra poveri e giochi al ribasso non giovano a nessuno.

E’ anche a questo scopo che ogni settimana, per ora solo il martedì pomeriggio, troverete aperta la vetrina del “Bulli e Pupe”, al centro di Calle Larga Ca’ Matta. Questo spazio di proprietà dell’ATER, storica sede del comitato abitanti occupato da un paio d’anni, vuole diventare un punto di riferimento per tutte le problematiche e le proposte di chi vive Santa Marta, un luogo dove incontrarsi e stare assieme, all’insegna della gratuità e del mutuo appoggio.

Siamo aperti ad ogni tipo di iniziativa: dall’assistenza legale alle riunioni di condominio, dalle feste per bambini ad ogni iniziativa volta a vivere meglio il nostro quartiere.

Veniteci a trovare! Ogni martedì dalle 14 alle 19 al Bulli e Pupe.


 Occupanti dell’ex Ospizio e di alcune case di Santa Marta


Nov 16 2014

Ogni condanna è ingiusta!

Volantino distribuito durante il presidio No Tav del 16 novembre 2014, in campo Santa Margherita. Seguono foto del presidio.


presidio 16 novembre Continue reading


Nov 11 2014

Nei quartieri, nelle case, nelle calli

11 Novembre, festa di San Martino. Nella tradizione veneziana una sorta di Halloween ante-litteram: frotte di bambini chiassosi che, di bottega in bottega, riscuotono dolci, spiccioli, piccoli regali. Una festa che ci parla di un città sommersa, che si scorge appena quando la marea si abbassa e i turisti se ne vanno.

 Seguono due righe lette in compagnia tra un brulè e i giochi di piccoli teppisti nelle calli del nostro quartiere. Per non lasciarsi infinocchiare da chi, con la pancia piena e il culo al caldo, vorrebbe fomentare guerre tra poveri. Grazie, stiamo bene anche senza di voi. 

 

NEI QUARTIERI, NELLE CASE, NELLE CALLI   

 

Abitare un quartiere (come una casa, un territorio) è diverso da abitare in un quartiere. Significa non percepirsi come totalmente altro rispetto al luogo in cui si vive, avere legami affettivi con lo spazio e le altre persone che lo abitano.

Non sempre, anzi quasi mai, questo è possibile: il nostro tempo ci impone continuamente spostamenti tra posti tanto più distanti quanto uguali tra loro, posti che spesso ci limitiamo ad attraversare per la funzione che essi ricoprono all’interno di un sistema più ampio. E’ la metropoli: la perfetta sintesi del territorio dove tutto è messo al lavoro , previsto, uguale a sé stesso.

In questo ambiente sviluppare relazioni soddisfacenti, incontrarsi, organizzarsi per cambiare l’esistente è pressoché impossibile. Quando ciò riesce è perché si sincronizzano delle rotture, delle discontinuità anomale rispetto ai flussi capitalistici di merci, persone, denaro.

In questo anche Venezia non fa eccezione: divenuta il “centro storico”di una metropoli estesa dal Lido alla cintura urbana di Mestre, gli ultimi scampoli di vita vera si danno solo lì dove le maglie dell’economia sono più labili, come gli angoli di città privi di attrazioni turistiche, o le zone più povere ai margini della cartolina.

Chi mira ad estendere il deserto anche in queste ultime isole non mercificate dove, pur con tutte le contraddizioni del caso, rimane la possibilità di immaginare qualcosa di diverso, è negli ultimi tempi passato all’attacco.

Una delle armi di cui si è dotato chi governa è la retorica del “degrado”. Una parola che sembra in grado di aggettivare qualsiasi cosa: dal senzatetto all’ubriaco, dal turista maleducato alle scritte sui muri, dallo spaccio di droga alle case occupate e via dicendo. “Degrado”, per chi governa, è tutto ciò che si pone al di fuori da una normalità già programmata, ciò che turba, anche in maniera involontaria, il regolare riprodursi dello stato di cose. Al di là delle valutazioni etiche che ognuno di noi può fare su ciò che è desiderabile e cosa no per la propria vita è importante conoscere ciò che produce questa retorica, per non finire con l’esserne complici inconsapevoli.

La retorica del degrado produce uno stato d’emergenza: la soglia di tolleranza della popolazione rispetto a certi fenomeni viene abbassata e, improvvisamente, un problema che prima non veniva percepito come tale o comunque come prioritario, è sulla bocca di tutti. A questo segue la soluzione di chi governa: sgomberi, retate, leggi e provvedimenti restrittivi della libertà di ognuno che passano senza nemmeno suscitare indignazione proprio perché giustificati dall’emergenzialità. Questo non prima di aver instaurato complicità con la popolazione: ed ecco sorgere comitati contro il degrado buoni per  i cittadinisti come per il fascista di turno, associazioni per tenere la città “pulita”, progetti per incoraggiare la delazione alle forze dell’ordine di qualsiasi condotta tramite infami vaganti travestiti, nemmeno troppo bene, da residenti indignati.

Tutto questo, naturalmente, al servizio dei soliti affaristi e speculatori che, non appena la guerra fra poveri consente di fare “piazza pulita”, fanno passare indisturbati deliranti disegni di riqualificazione, progetti di gestione di servizi pubblici di cui nessuno sentirebbe la mancanza, privatizzazioni di immobili, ammazzando così sul nascere, come effetto collaterale, ogni possibilità di appropriazione diretta e di autogestione reale.

E’ il caso degli ultimi cortei anti-degrado che hanno attraversato Mestre, del blitz di Forza Nuova alla sede dell’Ater, ma anche della campagna veneziana contro i graffiti, come della riqualificazione a suon di demolizioni del rione Vaschette, a Marghera, delle speculazioni al Lido nell’area dell’ex Ospedale e di quelle che, a breve, investiranno Santa Marta.

In questa guerra alla vita che si consumerà, nei tempi a venire, in maniera sempre più cruenta la nostra posizione deve essere necessariamente chiara: rifiutiamo in blocco ogni retorica sul degrado, venga essa da destra o da sinistra, preferendo assumerci le contraddizioni di un presente non ancora del tutto anestetizzato.

Siamo, senza se e senza ma, dalla parte di chi non aspetta tavoli di discussione o progetti partecipativi per decidere cosa fare del posto in cui abita, come di chi non delega alla polizia, o all’archistar del momento, la soluzione dei propri problemi di vicinato.

In modo speciale, siamo con chi, preso atto della situazione, ha iniziato ad organizzarsi.

Veniteci a trovare, sapete dove trovarci!     


I/le Occupanti dell’Ex Ospizio Contarini

 

festa di S.martino in quartiere 11.11.2014

  festa di S.martino in quartiere
11.11.2014

983826_1546587382252434_708389116684631678_n


Nov 4 2014

Il Compleanno dell’ex-ospizio occupato

PROGRAMMA il compleanno


Nov 2 2014

Incontro con i No Tav del Trentino

Trivelle bloccate, presidi permanenti, assemblee di comitati. La lotta No Tav in Trentino si sta, in queste ultime settimane, confrontando con l’inizio dei lavori veri e propri del tunnel del Brennero.
Ne parliamo con alcuni compagni dei comitati.

ORE 18.30 incontro/discussione con i compagni dei comitati che si oppongono all’Alta Velocità in Notav Trentino
ORE 21.00 CENA BENEFIT per la campagna “metro per metro”, volta all’acquisto di un terreno collettivo sul tracciato del Tav.

no tav trentino