Dic 13 2014

13-12-14 Rock’n roll night – Cena e serata benefit Ospizio e case occupate

Stampa

 

13 Dic 2014

Rock’n roll dinner con “The Cadillacs”

Serata benefit per i lavori di ristrutturazione dell’Ex-Ospizio Occupato e delle case occupate di Santa Marta.

Ai “Biliardi”, Cannaregio, Venezia-Ponte delle Guglie


 

Dalle ore 19.00

Cena benefit 10 euri, menù:

Riso con salse variegate, hummus con lenticchie

Verze con salsiccia, involtini di verze vegan

Vino, Acqua

Dolci vegani e non

Dalle ore 21.00

Concerto “The Cadillacs”, rock’n’roll ed esibizione di ballerini acrobatici (!!!)

Tutta notte: liquori, focacce, goloserie autoprodotte!

Gradita prenotazione per organizzare la cena:

333 3480526

contarinioccupato@gmail.com


Dic 11 2014

11.12.14 – Indagini sul carcere e i suoi dintorni

 

 

 

 

Il prossimo 11 dicembre proveremo a tracciare delle linee di congiunzione tra i vari punti che hanno segnato le mobilitazioni contro il carcere a Venezia e nel resto del paese negli ultimi anni.

Alle 18.30 verrà proiettato “Fondamenta delle Convertite”, un documentario realizzato nel 2008 da Penelope Bortoluzzi sul carcere femminile della Giudecca. Uno spunto per analizzare criticamente le dinamiche relazionali che si instaurano nel penitenziario femminile veneziano, da molti spacciato come un “carcere modello”.

11 dicembre

 

11 dicembre 2014

Ex-Ospizio Occupato, fondamenta delle terese 9A, Santa Marta, Venezia.


 

h.16.30 Condividi le tue informazioni sulle carceri veneziane.

h.18.30 Proiezione documentario “Fondamenta delle convertite”.

h.20.00 Cena benefit 5 euri

h.21.30 Discussione collettiva verso la costruzione di una prospettiva anti-carceraria.


Dic 2 2014

Terroristi spray

La mattina del 2 dicembre Digos e Carabinieri perquisiscono i locali dell’ex Ospizio Contarini, sequestrando barattoli di vernice nautica e bombolette spray, con l’accusa di 635 (danneggiamento) e 270 sexies (condotte con finalità di terrorismo). Potete leggere maggiori dettagli sui fatti della mattinata nel comunicato che segue.

Importante risulta porre l’accento sull’uso strumentale e infame che viene fatto del 270 sexies, sul quale seguirà a giorni un testo più completo rivolto a chi, da un anno a questa parte, si sta occupando di organizzare la solidarietà ai prigionieri No Tav.

10426131_1554899174754588_1992503651061264760_n

Stamattina, 2 dicembre 2014, verso le 10.30 una quarantina tra Digos e Carabinieri in borghese ha fermato due compagni all’esterno dell’Ex Ospizio Contarini Occupato, a Santa Marta. Hanno quindi proceduto, dopo varie intimidazioni, a perquisire i due compagni, sottraendo con la forza le chiavi della casa occupata a uno dei due.

Gli sbirri sono quindi entrati a perquisire i locali dello spazio, sequestrando bombolette spray e vernici da ricondurre a un’azione di solidarietà No Tav avvenuta il 16 novembre scorso, durante la quale è stata imbrattata la facciata del Tribunale di Venezia con vernice rossa e scritte. Perquisizione motivata dalla nota vicinanza sempre dimostrata al movimento No Tav e, scopriamo solo dopo, dal tristemente noto reato di 270sexies (condotta con finalità di terrorismo), rivolto in questo caso verso ignoti.
Lo stesso reato per il quale Chiara, Claudio,Niccolò e Mattia si trovano in carcere dal 9 dicembre scorso per aver partecipato ad un’azione di sabotaggio al cantiere di Chiomonte!
Appare chiaro come anche la procura di Venezia,con manie di protagonismo e in cerca di facili carriere, stia cercando di usare le stesse armi giuridiche della procura di Torino per colpire, oltre ai No Tav direttamente implicati in azioni di sabotaggio, anche tutte le manifestazioni di solidarietà volte a far crollare questo infame, quanto farsesco, castello accusatorio.
Come abbiamo già avuto modo di dire, il reato 270 sexies, introdotto nel codice penale nel 2005 dopo gli attentati di Madrid,crea un fumus giuridico nel quale ogni condotta volta a “coartare le istituzioni” (leggi: ogni protesta che esca, anche di poco, dai limiti della rivendicazione democratica) è imputabile di terrorismo, dal sabotaggio di un compressore a, da oggi, della vernice su un Palazzo di Giustizia.
Prendiamo atto della totale mancanza di senso del ridicolo della pm Francesca Crupi, della Digos e dei carabinieri veneziani nel procedere ad una perquisizione per terrorismo cercando come prove spray e vernici relative ad un imbrattamento ma, in questi tempi di caccia alle streghe, non ci sorprendiamo più di nulla.
Rilanciamo con forza la solidarietà ai nostri compagni arrestati e i prossimi appuntamenti di lotta contro l’Alta Velocità, a partire dai prossimi 7 e 8 dicembre in Val di Susa.
CHIARA, CLAUDIO, MATTIA, NICCOLò, FRANCESCO, LUCIO, GRAZIANO LIBERI SUBITO!


Le occupanti e gli occupanti dell’ex Ospizio Contarini

10690355_1554891414755364_6504753223088883432_n